Un insegnante come può aiutare uno studente balbuziente?

Insegnane che aiuta studente balbuziente

Esistono strategie didattiche che un insegnante può usare per aiutare uno studente balbuziente a parlare in modo più fluido. Vediamole nel dettaglio.

Parlare più lentamente

Gli studenti che hanno problemi col linguaggio possono trarre beneficio dall’ascolto di una parlata più lenta in classe. Rallentate la velocità con cui parlate invece di dire “rallenta”. Un bambino a cui si dice spesso di andare piano potrebbe sentirsi frustrato o decidere di parlare meno. Se si mostra al bambino che è giusto prendersi il proprio tempo; parlare più lentamente può essere calmante e rilassante, soprattutto se il bambino è agitato.

Parlare più lentamente può diminuire il senso di competizione durante la conversazione.

Utilizzare più tempo di attesa

Come si usa un tempo di attesa maggiore? Aspettate circa 2 secondi dopo che il bambino ha smesso di parlare prima di iniziare voi. Potete usare il linguaggio del corpo, annuire con la testa e sorridere, o usare suoni come “mm-hmm” per mostrare che siete interessati e che state ascoltando. Il tempo di attesa può aiutare un bambino balbuziente in quanto: garantisce che il bambino abbia finito di parlare, in modo da non interromperlo

fornisce un modello che indica che è giusto che un bambino si prenda del tempo per mettere i pensieri in parole.

Aiutare uno studente a diventare più sicuro di sé

Lo studente balbuziente potrebbe essere ansioso o spaventato all’idea di fare presentazioni, relazioni orali, leggere ad alta voce o rispondere a domande. Aiutate il bambino a sentirsi più a suo agio incoraggiandolo a: esercitarsi in presentazioni orali, letture ad alta voce o risposte a domande in situazioni più semplici (ad esempio, davanti a voi o a due amici) prima di situazioni più difficili (ad esempio, davanti a un piccolo gruppo di studenti o all’intera classe)

rispondere a una domanda quando si offre volontario. 

Liberamente tratto e tradotto da https://myhealth.alberta.ca/

Potrebbe piacerti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.